Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Cracco, Scabin e Dal Pescatore fuori dai 50 Best, ma secondo quali criteri?

Ieri sera a Londra si è celebrata la premiazione dei 50 Best 2012, la classifica delle migliori tavole mondiali selezionate da un'eclettica equipe di 837 votanti tra gourmet, ristoratori e giornalisti. Le novità per l'Italia non sono positive. Tre chef sono usciti dalla classifica dei primi 50: Carlo Cracco,sceso al 55mo dal 33mo posto, Davide Scabin, precipitato di più di venti posizioni (ora è 59mo) e Nadia Santini che addirittura si posiziona al 70mo gradino. Si salvano in tre. Massimo Bottura, comunque passato dal quarto al quinto posto, Massimiliano Alajmo, stabile a quota 32, e Paolo Lopriore, in posizione 46. Al top dei top resta René Redzepi del ristorante Noma di Copenhagen, che da tre anni ha preso lo scettro mantenuto a lungo da Ferran Adrià. Tutti pazzi per il bel René, che cucina con rigore maniacale ed estro geniale materie prime del territorio, portando nel piatto muschi, licheni e pesce crudo. Ventiquattro, il magazine del Sole 24 Ore, era entrato nelle sue cucine in tempi non sospetti: da allora è stato un crescendo di successi, culminato con la copertina di Time. Come dice lui, dopo la prima "vittoria" ai 50 Best sono piovute tante prenotazioni da garantire lavoro per almeno quindici anni…. Da segnalare il quarto posto del brasiliano Alex Atala e il nono di Heston Blumenthal che però non l'agguanta con il celebrato Fat Duck, tempio della cucina molecolare, ma con il suo locale londinese Dinner, dove propone piatti rinascimentali. In ascesa i ristoranti asiatici. Non a caso. 50 Best ha già in agenda un nuovo appuntamento dedicato, previsto per il febbraio 2013 a Singapore. Grande successo come ogni anno dunque. La classifica ideata nel 2003 dalla rivista britannica Restaurant continua a far parlare il mondo della gastronomia e muove fatturati quasi quanto la Michelin. Ma alcuni avanzano perplessità sui criteri della classifica che trovano poco rigorosi. San Pellegrino e Acqua Panna continuano a sponsorizzare generosamente il premio ma si tengono a rispettosa distanza dalle scelte(la maggioranza dei cento ristoranti presenti nella classifica allargata mettono in tavola le acque minerali Nestlè) e non a caso il comunicato ufficiale recita: Restaurant è l’unico responsabile dell’organizzazione della cerimonia, della raccolta e spoglio dei voti e della pubblicazione della classifica finale.