Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Berton fa la cosa giusta

Una bella sorpresa. Il locale è fresco,  contemporaneo, accessibile (subito da copiare i lampadari minimal-chic acquistati da Merci a Parigi). La cucina è corretta, ricercata senza essere arrogante. I prezzi giusti. In attesa di scegliere il locale adatto per tornare ai fornelli in prima persona Andrea Berton, dopo il brusco divorzio dal gruppo Trussardi (è in corso una vertenza legale) insieme a tre soci ha aperto in zona Brera Pisacco. In carta ha messo antipasti a 8 euro (dal calamaro alla plancia con crema di avocado alla pappa al pomodoro con gamberi arrosto), i primi sono a 8,50 e i secondi  arrivano al massimo a 15 euro (il salmone arrosto con indivia belga, radicchio rosso e rafano).

Pisacco1

Una proposta adeguata a quel che chiede oggi chi va al ristorante per passare una serata piacevole e non pretende di assaporare l'esperienza gastronomica della vita. Per quella restano i grandi ristoranti che non possono permettersi (dati i costi di gestione) proposte troppo snelle.

Pisacco2
Questo bistrot meneghino, distribuito su due piani,  è decisamente gradevole, non a caso porta la firma di un architetto molto noto (Tiziano Vudafieri, uno dei soci, appassionato di cibo e ormai diviso tra lo studio milanese e i nuovi uffici in Cina). Unico handicap, a cui l'architetto assicura di por rimedio in tempi stretti, un problema di acustica: un po' troppo rumore tra i tavoli.

Pis3
Se volete provare questa nuova faccia della cucina firmata Berton (ai fornelli c'è lo chef  Matteo Gelmini) conviene pensarci per tempo. E' sempre tutto completo e le prenotazioni sono a una settimana.

  • carl |

    Per Bacco e perdirindindina! Lista di attesa di una settimana. Ma questo, tradotto in economicistica, potrebbe consentire al vaticinante di turno di parlare di cenni di ripresa, almeno nella zona Brera Pisacco.. Pero, di solito, i vaticinatori mediatici di turno vedono più in grande e i loro vaticinii spaziano come minimo sul piano nazionale.Ma se hanno fama di essere “superesperti” allora si spingono ben oltre e cioè sul piano internazionale e perfino sul quello “globale”..
    Se poi ci azzeccano o meno, non suole avere importanza, nè perdono nomea e tantomeno ricevono una torta in faccia, come nei film di Ridolini..:o)
    Curioso nè?
    Carl

  Post Precedente
Post Successivo