Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
download-1

Il frappuccino adesso si paga in Bitcoin

Pagare un frappuccino in bitcoin? Si può fare. Basta aver scaricato sul proprio cellulare la app Spedn, sviluppata dalla startup Flexa. Grazie a Spedn Starbucks, Whole Foods (che appartiene ad Amazon), Nordstrom e altri brand ora accettano le criptovalute.

In pratica Flexa fa da tramite con il rivenditore che non ha bisogno di acquistare nuovi pos o altri strumenti. Il consumatore si limita ad avvicinare il telefono, come già fa se paga con Google o Apple Pay.

A 10 anni dalla nascita delle criptovalute forse questo sarà un passaggio decisivo per renderle davvero popolari e accessibili. Intanto, entro la fine dell’anno Flexa stima che il suo sistema sarà operativo in più di 30mila esercizi commerciali.

Mi sono da pochissimo convertita ad Apple Pay (e l più delle volte alla cassa me ne dimentico). Sinceramente il bitcoin per me è ancora un po’ troppo…