Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
df3041bb-5586-4ec8-9693-f116844f1562

Ferrari ancora una volta nell’Olimpo delle bollicine (sorry Parigi….)

Sorpasso. Per chi ancora avesse dubbi sulla qualità, il prestigio e il riconoscimento worldwide delle bollicine italiane prego rivolgersi a The Champagne & Sparkling Wine World Championships, il concorso ideato e presieduto da Tom Stevenson, massimo esperto mondiale del settore.

67a415cf-404f-462b-9f17-e004b8ae5857

Per la quarta volta Ferrari Trento ha sbaragliato tutti e le bolle italiane guardano dall’alto di 58 medaglie d’oro le 52 dei cugini d’Oltralpe. Con 12 medaglie d’oro e 8 d’argento, Ferrari non solo si è aggiudicata il titolo di “Sparkling Wine Producer of the Year”, ma è anche stata determinante nel confermare la Trentodoc come denominazione italiana più premiata e nel sancire la simbolica vittoria dell’Italia sulla Francia. Il testa a testa per il titolo di Produttore dell’Anno, attribuito alla cantina con il maggior numero di medaglie, è avvenuto anche quest’anno con la Maison de Champagne Luis Roederer, vincitrice della scorsa edizione, che ha totalizzato 7 medaglie d’oro e 4 d’argento. 

Ferrari ha visto premiate con la medaglia d’oro non solo le grandi Riserve, ma anche i suoi Trentodoc non millesimati, come il Ferrari Brut, l’etichetta più iconica della Casa Trentina – già “Blanc de Blancs World Champion” nel 2016 e “Best Italian Sparkling Wine” nel 2020 – e il Ferrari Maximum, sia nella versione Blanc de Blancs che Rosé. Un’ulteriore conferma – come ricorda la casa vinicola che fa capo alla famiglia Lunelli – della straordinaria vocazione delle montagne del Trentino alla creazione di bollicine capaci di affermarsi a livello internazionale. 

Sono state oltre mille le etichette presentate e degustate a The Champagne & Sparkling Wine World Championships, provenienti da tutto il mondo, compreso, per la prima volta, il Giappone. I paesi premiati con almeno una medaglia sono stati 19, coerentemente con la “mission della competizione di promuovere i vini di eccellenza e di scoprire regioni e cantine emergenti in tutto il mondo”. 

Si attende ora alla “Virtual Ceremony Awards Week”, la settimana del 22 novembre, in cui verranno rivelati – anche quest’anno solo online – i premi speciali, come le bollicine migliori di categoria “Best in Class”, i vincitori delle competizioni nazionali e i Campioni mondiali per Stile.