Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Vado a cena in carcere, per due buoni motivi…

Ieri sera mi è spiaciuto proprio di non essere a Saluzzo. Dietro alle sbarre.
Non sono mai entrata in un carcere. Ma questa sarebbe stata unoccasione speciale. Otto grandi chef hanno cucinato alla casa di reclusione Rodolfo Morandi della cittadina piemontese. Una cena a scopo benefico, per raccogliere fondi a favore di un bel progetto in corso nel carcere: Stampatingalera, il laboratorio di stampa Fine Art in cui lavorano alcuni detenuti, avviato con il sostegno della Compagnia di San Paolo. Che ha lambizione di trasformarsi in una case history di successo, come è accaduto alla pasticceria Giotto del carcere di Padova, i cui panettoni a Natale vanno a ruba tra i gourmet. Anche il carcere di Volterra è noto per le sue "cene galeotte" dove i detenuti cucinano con chef importanti.
Gli otto chef sono: Ugo Alciati, di Guido Ristorante; Nicola Batavia, l Birichin; Enrico Crippa, Piazza Duomo; Pino Cuttaia, La Madia; Maurilio Garola, La ciau del Tornavento; Davide Palluda, AllEnoteca di Canale; Paolo Reina, Antica Trattoria del Gallo; Andrea Ribaldone, Eataly, Tokyo.
Alciati4 - Copia

 
Erano arrivati al Morandi la mattina, perché il programma messo in piedi da Sapori reclusi (che organizzava la serata) prevedeva una serie di lezioni di cucina con un gruppo di detenuti. Per una riflessione su temi che riguardano tutti, spiega lassociazione: il cibo come identità, la fantasia come forma di libertà e soprattutto
il lavoro come riscatto e scommessa per il futuro.
 
Al termine della cena si è svolta unasta in cui sono state battute bottiglie messe a disposizione da grandi produttori del territorio (Ceretto, Domenico Clerico, Coppo, Azienda agricola G. Milazzo, Albino Rocca, Paolo Scavino, Giovanni Sordo, Oddero).
 
La prima bella notizia è che i posti sono andati a ruba. La seconda che ancora una volta il cibo è incontro, speranza, futuro.
 
  • Giorgio Borge |

    Entro in carcere a Saluzzo come assistente volontario dal 1987 ed entro da tempi non sospetti. Ovvero in carcere ora hanno la possibilità di entrare un sacco di professionisti che con la beneficenza credetemi hanno poco a che fare…
    Quella di ieri sera la ritengo un po’ un’operazione di facciata alla quale l’Amministrazione Penitenziaria ci ha già abituato da un po’.
    I problemi e le povertà del carcere sono enormi e forse i proventi di una serata del genere andrebbero impiegati proprio con i più poveri e più indifesi.
    Signora Roggero lei non ha avuto la possibilità di entrare in carcere ieri sera; mi creda, quello che avrebbe visto non è assolutamente la realtà vergognosamente triste del carcere.

  Post Precedente
Post Successivo