Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
ceh-copertina_856x525

Borsa di studio della famiglia Cecchi per un aspirante Master of Wine

Dei 384 operativi in giro per il mondo non uno è italiano. Che, detto per il paese maggior produttore di vino, non è proprio il massimo. Eppure è così. Qualcuno sta tentando l’impervia strada dei Master of Wine ma per il momento ancora nessuno è riuscito a raggiungere la meta. Sarà per la lingua (tutto si deve svolgere in un inglese impeccabile) o per i costi (tra viaggi, corsi ecc decisamente non alla portata di tutti) ma tant’è.

Quindi giunge più che benemerita l’iniziativa della famiglia Cecchi, prestigiosi produttori in Chianti, di sostenere con una borsa di studio uno degli aspiranti MW italiani.

Si tratta di Gabriele Gorelli, toscano. Ma la scelta non è caduta su di lui per vicinanza geografica: i Cecchi hanno lanciato un contest per identificare la persona giusta. L’unico, comprensibile, requisito richiesto oltre a una adeguata conoscenza generale era una solida competenza sui vini del Chianti e Chianti Classico. “Lo standard dei candidati era sorprendentemente alto – ha detto Andrea Cecchi – e ognuno di loro ha portato una prospettiva interessante sulla comunicazione dei vini dell’area”.

Gorelli riceverà quindi 1.500 sterline per sostenere le spese del secondo anno di studi. Per ottenere il diploma bisogna superare tre corsi e redarre una tesi finale su un tema collegato al vino all’interno di un contesto più vasto a scelta (scienze, arte, scienze sociali e umane). In bocca al lupo a Gabriele.